(questo post non ha titolo)

Questa sera esco.
Rivedrò facce, sentirò voci, stringerò mani la cui memoria si è stemperata in 6 mesi di cosciente isolamento.
Mi ero nascosta talmente bene e stavo talmente zitta che le persone si erano quasi dimenticate della mia esistenza.
Così questa sera mi arrendo alla terapia d’urto.
Indosserò il sorriso più credibile che riesco a simulare, ingesserò i nervi per non tremare e insonorizzerò la cassa armonica delle emozioni (perchè, pian piano, questo proposito lo sto portando a compimento…)
Mal che vada sarà solo un tentativo abortito di integrarmi nel consorzio umano.
Ma avrò tentato.







8 commenti

  1. if

Trackback e pingback

Non ci sono trackback e pingback dispinibili per questo articolo

Lascia un Commento