(questo post non ha titolo)

Stream of consciousness


Ho voglia di dormire in un campo di papaveri rossi. Quel sogno fa eco nella mia testa al limite dell’ossessione.


“Il dolore perfetto” è un libro perfetto. E quindi noioso.


C. non mi chiama da stamattina alle 5.00. Forse è riuscita ad addormentarsi.


Meglio servire su un piatto d’argento la propria fragilità che recitare la parte del colosso. Non istighi gli individui a dimostrarti che tutti, comunque, hanno un punto di rottura…


Mi sento nostalgica di qualcosa che non sono sicura nemmeno di avere cominciato a vivere.

Sto ascoltando gli Heroes del silencio. Un album del ’93. E sorrido ripensando a quella prima estate con la patente. Quando bastava andare, non importava dove. Ma andare…

Ho fame di Nuovo, di nuovo.


_______________________________________
In loop: El espiritu del vino









12 commenti

Trackback e pingback

Non ci sono trackback e pingback dispinibili per questo articolo

Lascia un Commento