(questo post non ha titolo)

Questa è una pessima mattina di inizio agosto.
Un’insopportabile, stagnante, afosa mattina nella quale rischio di dire quel che penso a chiunque.
Sputare sentenze per una volta, sì. E con cognizione di causa, per giunta.
Rimettere le persone al loro posto e non lasciarle in quello nel quale si sono piazzate con presunzione.
Un sovrastare che si avvicina molto alla crudeltà.
L’esegesi delle fonti del dolore inizia ad annoiarmi.
Basta.







24 commenti

Trackback e pingback

Non ci sono trackback e pingback dispinibili per questo articolo

Lascia un Commento