(questo post non ha titolo)

Ci sono emozioni contro le quali si possono erigere barricate taglienti di vetro e filo spinato, ma, prima o dopo, arriva comunque la resa e bisogna farle entrare.
Affrontarle.
E, dopo, ricostruire l’argine. Con un segno nel cuore, un grumo scuro, rammendo cicatriziale a risposte intraviste guardando il cuore, dall’alto.
E aspettare la prossima bufera per ricominciare la lotta. Più impauriti di prima.
Alla fine siamo come piccoli aracnidi che tessono e ritessono la medesima ragnatela consapevoli che il vento la strapperà al primo soffio.
Ancora e ancora.






10 commenti

  1. if

Trackback e pingback

Non ci sono trackback e pingback dispinibili per questo articolo

Lascia un Commento