(questo post non ha titolo)

Tutto è vago, lieve e muto.
Mi raggomitolo nel ventre che ho smarrito e dimentico.
Che oggi sia oggi e sia l’incipit di domani.
Che ieri corra ancora con piedi gelati sulla mia schiena.
Che l’incertezza non sia fuggevole ma odiosamente accogliente.
Mi stringo nelle spalle, diluisco la coscienza, capitolo.













36 commenti

  1. Anonimo

Trackback e pingback

Non ci sono trackback e pingback dispinibili per questo articolo

Lascia un Commento