(questo post non ha titolo)

[L’appartenenza]


“Io non riuscirei neanche a vedere e a sentire se non fosse per te. Se tu mi abbandoni, vivrò ancora un poco, il tempo che un uccellino può rimanere in aria senza battere le ali, poi cadrò. Cadrò e morirò.”

Leggo. Rileggo. Sospendo ogni attività motoria volontaria. Penso. Ripenso alla metafora. Cade un sasso dentro me. Ascolto il riverbero lambire le pareti della mia cassa toracica.
Ed ora devo riprendere a respirare.




21 commenti

  1. Anonimo

Trackback e pingback

Non ci sono trackback e pingback dispinibili per questo articolo

Lascia un Commento