(questo post non ha titolo)

L’alternanza delle emozioni.
Il loro addensamento. La loro dissoluzione.
Posso avvertire il percorso che compiono attraverso il corpo.
Sentirle arrivare come una marea, saturare le membra, ingravidare l’anima.
Sopportarne i palpiti e restare spettatrice, stupefatta.
E poi lasciarmi svuotare dal loro riflusso.
Precipitare rapidamente verso un intoccabile luogo muto, vergine.
Come se nessuno potesse raggiungerlo. Come se fosse un ricordo.
Ed io rimango qui. Incapace di oppormi al loro ciclo arbitrario.
Scardinata.
Stanca.















19 commenti

Trackback e pingback

Non ci sono trackback e pingback dispinibili per questo articolo

Lascia un Commento