Archivio per 2004 | Pagina di archivio annuale

(questo post non ha titolo)

E poi ascoltarsi.Percepire il profumo dolce di un’esigenza sottile che si fa strada nelle tue giornate.Respirare forte e non temere di sbagliare.Sentirsi terra fertile, umida e accogliente. Assecondarsi.Scivolare tra i propri pensieri e non averne paura.Appoggiare il palmo della mano sul cuore e sentire un rassicurante battito regolare.E poi stupirsi del proprio stupore e fregarsene […]

(questo post non ha titolo)

Mai più ascoltare i Depeche Mode prima di andare a letto…

(questo post non ha titolo)

Mi sveglio alle 10.00, mi alzo non troppo convinta e mi guardo allo specchio: decisamente non ho più l’età per fare le 05.00 della mattina. O, meglio, per fare le 05.00 della mattina e farmi bastare 5 ore di sonno.Ieri sera sono stata bene. La temperatura ed il vento teso hanno tenuto lontano lo sciame […]

(questo post non ha titolo)

(questo post non ha titolo)

[Spazio venale] I saldi sono al via ed io sui blocchi di partenza, con loro.Parto per un giro di perlustrazione in centro.Sono nella fase “spendere per il gusto di spendere”.Frenesia pura!

(questo post non ha titolo)

[ Sto monitorando ad oltranza le mie sensazioni ]

(questo post non ha titolo)

Sono giorni di assoluto silenzio. Non riesco a buttare fuori nulla. Buongiorno, buonasera, sì glielo passo, no non è arrivato, c’è un ritardo nella consegna, il prezzo di listino è modificato, avverto io il trasportatore. Punto.Evito perfino di pranzare con i colleghi. Vado a mangiarmi un panino al bar. Insofferente, anzi, sofferente.La dottoressa dice che […]

(questo post non ha titolo)

L’altra sera ho accennato a te in un discorso in cui mi si chiedeva la ragione della mia sofferenza.Come non parlare di te? Io ti volevo. Io ti volevo davvero.Ed ogni volta che ripenso a quel 14 giugno mi cedono le gambe.Io ti volevo, lo giuro. Ed ho rinunciato a te per un rapporto sterile […]

(questo post non ha titolo)

Vorrei affondare il viso nell’incavo del tuo collo ed accartocciarmi tra le tue braccia. Indifesa e nuda.Petali di magnolia la mia pelle.Modulando il mio respiro al tuo.Marea che sale e riempie.Il mio corpo dimezzato senza la tua carne.Fai tabula rasa di ciò che sono stata. Voglio rinascere.Percorri con le tue mani il mio piccolo infinito […]

(questo post non ha titolo)

(questo post non ha titolo)

Ieri sera sono uscita. Sono uscita con una persona che leggerà quello che sto per scrivere e sa già anche quello che scriverò -perchè [Cris] ha la maledetta manìa di palesare quel che pensa-Tre ore di discussione. Due su quanto sono stronze le donne. Una su quanto sono intrattabile io.Il dogma è: i cani non […]

(questo post non ha titolo)

Ascolto “Porta vagnu”.Tranquillità fluisce nelle vene come resina d’albero.Devo uscire. Non sono convinta di volerlo. La persona che vedrò lo sa.Sto iniziando a fare tutto ciò che non farei.Compreso il sentire fortissimo l’impulso di cercare.Cercare quelle parole. Senza più aspettare.

(questo post non ha titolo)

10 mesi di blog. Non pare vero.10 mesi di immagini postate qui perchè non potevano occupare nessun altro posto.Di parole scritte qui perchè non potevano essere dette a nessuno che conoscessi.10 mesi durante i quali mi sono nascosta, diciamolo. In cui ho avuto paura di mettermi in gioco, mimetizzata nell’apparenza di ciò che sembro. Di […]

(questo post non ha titolo)

Io di più non posso darti.Non sono che quello che sono. Ah, come vorrei esseresabbia, sole, in estate!Che tu ti distendessiriposata, a riposare.Che andando via tu mi lasciassiil tuo corpo, impronta tenera,tiepida, indimenticabile.E che con te se ne andassesopra di te, il mio bacio lento:colore,dalla nuca al tallone,bruno. Ah, come vorrei esserevetro, tessuto, legno,che conserva […]

(questo post non ha titolo)

E poi si ha anche paura di essere toccati troppo.Si cerca il contatto, si fa un passo, si pronuncia una parola.Forse si fa capire più di quanto si creda di potersi permettere..E si cerca la via di fuga.Una maledetta via di fuga, una lucina accesa nel buio del panico. Dell’incertezza.Fare il passo che non ti […]

(questo post non ha titolo)

Ho la pressione di una medusa spiaggiata.Questo tempo basso e l’umidità certamente non mi aiutano.Così oggi sono svenuta in ufficio.Lunga sul pavimento.Prima o poi doveva succedere.Magari non davanti all’Amministratore Delegato.Ma non si può avere tutto, no?

(questo post non ha titolo)

(questo post non ha titolo)

Forse sto solo augurandomi di essere smentita.La mia felicità sta lì. Un’invocazione muta.

(questo post non ha titolo)

(questo post non ha titolo)

L’analista sostiene che il mio “dramma” è la ricerca della perfezione. Che la perfezione non esiste e devo accettarlo.Le ho risposto che deve trovare lei il modo di farmelo tollerare, almeno. La pago, Cristo Santo.E non posso nemmeno usufruire della formula soddisfatti o rimborsati.Ma posso insultarla, eventualmente. Questo sì.