Archivio per 2004 | Pagina di archivio annuale

no title

Oggi dovrò parlare a…

Oggi dovrò parlare ancora di me. E non ho per nulla voglia di farlo.Oggi dovrò tentare di spiegare quello che sono. E giorno dopo giorno dubito di sapere chi sono.La tentazione di chiudermi a volte è imperiosa, quasi un riflesso incondizionato.E anche questa volta lo terrò al guinzaglio.

Fine settimana trasc…

Fine settimana trascorso ad ascoltare le parole, gli sguardi ed i gesti di due amiche. La verità vista attraverso di loro. La mia vita è menomata da gravi inettitudini.Non sono in grado di guardare avanti senza sentirmi sulle spalle ciò che sta dietro.Non riesco a perdonarmi quasi mai.Non sono abile a prescindere dal giudizio altrui. […]

no title

(questo post non ha titolo)

[Ci si rilegge appena Splinder decide di funzionare e, soprattutto, io torno di un umore decente]

Oggi mi sono sentita…

Oggi mi sono sentita dire da uno sconosciuto empatico: “Tu hai bisogno di un uomo attrezzato” Condivido.

In questi giorni son…

In questi giorni sono assolutamente priva di parole.Talmente vuota da aver paura di ascoltare, dentro, la mia stessa eco se solo infrangessi il silenzio.

no title

[Scegliere] E poi t…

[Scegliere] E poi ti siedi di fronte alla finestra, sbirci tra le tende un raggio di sole. Gli occhi sono una fessura e tu pensi che oggi, sì, è primavera.Guardi avanti, solo un po’. Qualche mese, non di più.E ti interroghi se avere a disposizione tutte le opportunità forse non sia peggio che non averne […]

no title

Parlare di me stessa…

Parlare di me stessa ad un volto sconosciuto.A due occhi che scrutano i miei, velati di lacrime.Non ne scende una sola. Il mio pudore regna sovrano.Le mie mani torturano, nervose, un pacchetto di fazzoletti di carta.Profondi respiri intervallati da piccole inspirazioni.Nella testa immagini da tradurre in parole. Nel petto emozioni da alfabetizzare.La sintesi non mi […]

(questo post non ha titolo)

[Cambiamento] Insensibile. Come legno.

Uno schifo di sabato…

Uno schifo di sabato sera.Io a casa ed il mondo fuori.Io che scelgo di non essere una presenza scomoda, che mi disciplino e mi impongo di non piantar casini. Non ora. Non ancora.Io che resto a casa con i nervi tesi, che sfoglio un libro distratta, che mi preparo un infuso di tiglio e melissa, […]

(questo post non ha titolo)

Rabbia.Oggi mi sono sentita definire “bugiarda”.Credo che, assieme a “non hai cervello”, sia l’offesa che peggio riesco a tollerare.Soprattutto perchè io sono stata spesso ferita da abili cultori della menzogna.Di fronte ad un giudizio tanto inconsistente resta poco da fare.A scelta…Insistere per dimostrare che non sono bugiarda.Ignorare la persona che non ha capito, dopo mesi, […]

Meglio essere arpa o…

Meglio essere arpa o violino? [Fate finta di non aver letto. So da me che è una domanda apparentemente senza senso…]

Mi sto chiedendo d…

Mi sto chiedendo dove voglio arrivare tenendo questo blog…E, soprattutto, se posso arrivarci.Il venerdì è la giornata delle domande malsane che non dovrei mai pormi.

Oggi ho comprato due…

Oggi ho comprato due libri sconvenienti.Uno di Isabella Santacroce e l’altro di Chuck Palahniuk.So già che questa sarà una notte intensa.

no title

[The garden of Eden …

[The garden of Eden is silent]

[Distacco] L’ennesi…

[Distacco] L’ennesimo filo tagliato.L’ennesima presenza che diventa ricordo a partire da ora.Scivolata via da braccia che non sapevano abbracciare ma solo stringere.Non riesco più a sentirmi dire che “non è abbastanza”.Non voglio ascoltare la parola amore, lo voglio sentire.Ed il vuoto diventa una voragine fagocitante.