Archivio per 2004 | Pagina di archivio annuale

(questo post non ha titolo)

[L’appartenenza] “Io non riuscirei neanche a vedere e a sentire se non fosse per te. Se tu mi abbandoni, vivrò ancora un poco, il tempo che un uccellino può rimanere in aria senza battere le ali, poi cadrò. Cadrò e morirò.”Leggo. Rileggo. Sospendo ogni attività motoria volontaria. Penso. Ripenso alla metafora. Cade un sasso dentro […]

(questo post non ha titolo)

[Legàmi d’amore… Lègami]

(questo post non ha titolo)

Non ci riesco se non a tratti. E approssimativamente. E’ inutile.Di me riesco solo a dipingere un quadro astratto. L’impressionismo non è il mio forte. I colori li uso come Kandinskij non come Monet. E questo perchè lascio all’intelligenza e alla sensibilità altrui la scelta di interpretarmi come preferisce. Non so tradurre quel che sono […]

(questo post non ha titolo)

(questo post non ha titolo)

Se da qualche parte ci sei e mi stai cercando voglio tu sappia che sono pronta ad incontrarti. Impaurita ma pronta. Perchè ti immagino là fuori e ti sorrido già adesso.Perchè penso al mio corpo nudo, bianco, che galleggia nell’oscurità e vedo le tue mani sconosciute che si tendono, consapevoli.E più ci penso più la […]

(questo post non ha titolo)

E poi ci sono pomeriggi come questo, lunedì che ti soffocano col loro vuoto. Un ossimoro. Ti lasciano lì a guardarli scorrere via senza opporre resistenza. Tranne quella passiva.Mi pianto di fronte allo specchio e, nel fondo delle mie pupille, vedo formarsi strani diagrammi a forma di spirale. Mi dimentico di me e accenno un […]

(questo post non ha titolo)

Riflessioni sul week end. 1. Devo smettere di portare come presente 4 bottiglie ad una cena cui partecipano 4 persone avvezze all’alcool ed una astemia dedita alla sanguinella (tiè, Pista). Dopo un numero vergognoso di bicchieri di Barbera, Freisa, Bonarda e Malvasia arrivo a raccontare cose di me che sconvolgono il comune senso del pudore. […]

(questo post non ha titolo)

Mattina siderale.Appena sveglia ho spalancato le persiane e ho fissato a lungo il manto di brina che ricopriva le campagne circostanti.Scintillante sotto i primi raggi del sole che filtravano tra la foschia. Ad est.Oggi si parte per Milano. Ho voglia di ridere di un riso aperto, rotondo, autentico.Lunedì per fortuna è lontano.

(questo post non ha titolo)

Dentro di me, sono un groviglio di risposte. Ognuna esige una domanda, l’unica giusta. Ma io non conosco le domande. Aspetto con inquietudine, con paura, con desiderio, colui che me le sappia rivolgere, una dopo l’altra, con precisione. Così da poter rispondere e, finalmente, potermi liberare. Lasciandomi catturare.

(questo post non ha titolo)

Esco dal supermercato. Cappottone e stivali militareschi. Colbacco in testa, sciarpa al collo. Mi avvio alla macchina, intirizzita. Tre borse in due mani. “Buonasera signorina”. Tiro dritto. Poso le buste a terra e rovisto nella borsa alla disperata ricerca delle chiavi della macchina. “Va bene che non mi riconosci. ma nemmeno un ciao?”. Alzo lo […]

(questo post non ha titolo)

Dalla finestra di un quinto piano si vedono squarci della città diversamente inimmaginabili. Un ampio spettro di strade, aiuole, negozi, viali, cani al guinzaglio, filari di luci natalizie, traffico congestionato, gente che vive.Ed un’immensa fetta di cielo indaco solcato da stormi di piccioni grigi.Appoggio il naso al vetro e sgrano gli occhi.E’ come un film […]

(questo post non ha titolo)

I versi sono polvere chiusadi un tormento d’amorema fuori l’aria è correttamutevole e dolce e il soleti parla di care promessecosì quando scrivochino il capo nella polveree anelo il vento, il solee la mia pelle di donnacontro la pelle di un uomo [Alda Merini]

(questo post non ha titolo)

Faccio una doccia. Calda.Quindici minuti di immobilità sotto l’acqua che scroscia, regolare.Mi avvolgo nell’accappatoio blu.Cammino scalza sul parquet, freddo.Scelgo Bach. Le variazioni Goldberg.Finalmente mi rilasso. Spalmo la crema allo zenzero sulla pelle.Un profumo intenso mi allaga le narici.La giornata è terminata.Sorrido. Mi massaggio i polsi. Respiro profondamente. Deglutisco.Il mio sguardo non ha ancora famigliarizzato con […]

(questo post non ha titolo)

(questo post non ha titolo)

Oggi leggo e rido.E’ incredibile come le persone possano fraintendere quel che scrivo…Soggiogata. Da quel che ho scritto c’è chi ha avuto il coraggio di dedurre che io sia stata soggiogata da una mente disturbata.E’ solo parzialmente vero. La mente disturbata in effetti l’ho incontrata. Soggiogarmi, però, è quantomeno improbabile. Lo è da quando ho […]

(questo post non ha titolo)

(questo post non ha titolo)

Avrei voglia di scrivere. Ne avrei anche bisogno.Ma non riesco ad esplicitare. Curioso. Sembro sotto formalina. E penso. Sto valutando da giorni se sia il caso di cambiare registro comportamentale.Fare le cose tanto per, non attribuire peso alle parole, anche le più importanti. Bearmi della trasparenza altrui e specchiarmi, narcisa, nella verità. Sapendo di mentire. […]

(questo post non ha titolo)

Vasa inania multum strepunt Diffidare sempre degli abili oratori e degli accellenti narratori.Di loro stessi.

(questo post non ha titolo)

Sabato sera.Mangio qualcosa, sciabatto verso la camera da letto e striscio sotto il piumone. Senza lenzuola perchè non le ho ancora trovate nell’epocale caccia al tesoro che sto facendo per ritrovare la mia biancheria.Ho un mal di schiena che nemmeno un carpentiere. Imballato 90 scatoloni. Sballato 90 scatoloni. In tempo record.Mi rendo conto di non […]

(questo post non ha titolo)

Riemergo con pesanti bracciate da uno stagno fetido. Sbalordita, inorridita, rabbiosa. La bugìa ha sempre questo effetto su di me. La capacità di simulazione, l’opportunismo, l’ignobiltà d’animo mi disgustano. Mamma mi ha allevato bene, niente da dire. Mi ha sempre messo in guardia dal veleno che può celarsi dietro uno sguardo o una stretta di […]