Archivio per 2004 | Pagina di archivio annuale

(questo post non ha titolo)

Apprendere di aver ferito.Di essere stata in grado di farlo quando nemmeno ti importava, tanta era la ripugnanza.Vedere la bile salire dalle altrui parole -la bile sale, l’orgoglio scende- e ridere di gusto.Leggere le allusioni oblique, il frignare molto poco dignitoso, il patetico finto commiato e continuare a ridere.Se nemmeno concedendo il miele si attirano […]

(questo post non ha titolo)

Sono stata bene. Attenzione che lo ripeto: bene. Nessuno ha le allucinazioni.Siete davanti ai vostri pc, in ufficio, entrate nel mio blog e leggete “sono stata bene”.Il week end è trascorso sereno, fluido, sorridente.Parole, un profluvio, come a voler annullare lo scritto di mesi. Sushi, ottimo. Ché solo per quello rifarei le quattro rampe di […]

(questo post non ha titolo)

Non so com’è che ho deciso, né se riuscirò a sbaragliare la mia naturale timidezza ma domani vado a Milano per il week end.Trascorrere del tempo con chi mi vuol bene e me lo dimostra è la scelta migliore che possa immaginare in questo deserto che è il mio quotidiano. Via da qui. In un […]

(questo post non ha titolo)

I momenti continuano a gocciolare, maturi. E appena uno cade un altro si leva, leggero. Tutto ciò che so -che sono- non l’ho mai imparato né lo potrei mai insegnare.Ogni altra cosa è accidentale.

(questo post non ha titolo)

Sento le labbra che mi formicolano e le vedo, le lettere, camminarci sopra come tante formichine, una in fila all’altra, disciplinate un po’ ondulanti… i-n-d-e-c-e-n-z-a … scendere lungo il mento, mettersi a posto, prendere diligentemente la curva della mandibola ed entrare a solleticare l’orecchio.Servirebbe l’acquisizione per osmosi. Cercansi donatori sani.

(questo post non ha titolo)

[Diaspora] Le fisionomie sfumano. Le percezioni si smarriscono. I brividi si placano. Le parole abdicano. Resta la mia mano.Appoggiata sul petto. Una nota lieve. Senza risonanza.

(questo post non ha titolo)

Impossibile spiegarlo.Mi sto allontanando a poco a poco da quella zona dove le cose hanno una forma fissa, definita. E spigoli. Dove tutto ha un nome solido ed immutabile.Sempre più affondata nella regione liquida, tranquilla ed insondabile su cui aleggiano nebbie diffuse e fresche come l’alba.Le parole sono ciottoli che rotolano nel fiume.Il silenzio pulsa […]

(questo post non ha titolo)

[In / Out] Il dolore della privazione / Il dolore della soddisfazioneConoscersi / DisconoscersiImporre / DeporreIl rimpianto / Il rimorsoI giorni negati / I giorni vissutiImplodere / EsplodereIl tono giusto / Il gesto giustoLa prudenza dell’introflessione / Il rischio dell’estroflessioneDispersione / ConcentrazioneLa speranza di affondare / La volontà di fluttuareLa scissione / Il completamentoFrustrazione / […]

(questo post non ha titolo)

[La postai tempo fa ma oggi, più che mai, la ripeto come fosse un mantra benaugurante] Sono un poeta: una farfalla, un essere delicato, con le ali. Se le strappate, mi torcerò sulla terra, ma non per questo potrò diventare una lieta e disciplinata formica. [Margherita Guidacci]

(questo post non ha titolo)

Inscatolo. Imbusto. Imballo.La casa è un accampamento a soqquadro. Mi rendo conto solo ora di quanti libri possegga.Devo impilarli l’uno sull’altro, bilanciando bene i pesi per non sfondare gli scatoloni.E sono davvero uno squadrone imbarazzante.In un primo momento ho pensato di fare una cernita e mandare al macero quelli più vecchi, quelli che improbabilmente rileggerò, […]

(questo post non ha titolo)

“…Alla rugiada che si posa sui fiori quando s’annuncia l’autunno assomiglio. Io che devo svanire e vorrei sospendermi nel nulla ridurmi e diventare nulla”. [Franco Battiato – Haiku]

(questo post non ha titolo)

Nuovo abito. Invernale. Più congruente al mio attuale momento di vita. Rigoroso, ecco.Ogni tanto faccio i miei esperimenti. Per ora va bene così.Domani chissà.

(questo post non ha titolo)

(questo post non ha titolo)

Collassare davanti al dermatologo.Vederlo perplesso alla misurazione della minima (60) e sentirsi dire “la vedo giù di tono. faccia un check up” è un parziale deja-vù.La scorsa volta era il ginecologo.Ma quello era un flesso vago. Altra storia.Visto mai che, inconsciamente, ti piaccia svenire davanti alla gente? Mah…

(questo post non ha titolo)

Inizio a non distinguere più la fase onirica dal dormiveglia…Questo solitamente accade a chi soffre di insonnia e si affida agli ipnotici per incontrare Morfeo.La fase che precede di pochi minuti il sonno è come un limbo: evanescente, soffusa, confusa.Mi ricordo un sms stanotte, mi ricordo di averlo letto e cancellato. Non mi ricordo il […]

(questo post non ha titolo)

[Sì, forse un po’ di masochismo latente c’è…]“Vedere il lato bello, accontentarsi del momento migliore, fidarsi di quest’abbraccio e non chiedere altro perché la sua vita è solo sua e per quanto tu voglia, per quanto ti faccia impazzire non gliela cambierai in tuo favore. Fidarsi del suo abbraccio, della sua pelle contro la tua, […]

(questo post non ha titolo)

Oggi mi sto rovistando dentro per trovare le parole.Efficaci. Congruenti. E faccio fatica. Come poche altre volte.Non ho parole per argomentare una delusione. Bruciante.Per confortare un’amica e consentirle di distrarsi su di esse e non sul suo pianto.Non ho parole per descrivere la pochezza di chi scappa ai quattro angoli del mondo pur di non […]

(questo post non ha titolo)

(questo post non ha titolo)

Respiro a stento come se dentro di me non ci fosse posto per l’aria.Piena, dolorosa e pesante.Un universo sull’orlo del collasso e pronto a liquefarsi.Mi sento una nuvola sul punto di piovere.

(questo post non ha titolo)

[ Si prospetta un lungo pomeriggio ]