(questo post non ha titolo)

Le tue parole mirano sempre al centro, ma non lo fai per chiarezza, quanto piuttosto per replicare una tua modalità di gestire te stessa, un fatto di democrazia, più che di cinismo.

Luglio è agli sgoccioli.
Domani è solo un giorno sul calendario che mi separa dalla partenza.
Indugio, ridicola, nell’esegesi di questo disagio di fondo.
Se avessi meno tempo ne disporrei più intelligentemente.
Magari intrecciando le mie dita a quelle di chi vorrebbe esserci. 
O eludendo l’umiliazione che segue l’evidenza dell’inutilità di un gesto.
Non devo dimenticare di essere stata felice.
Non devo dimenticare di essere stata felice.

10 commenti

Trackback e pingback

Non ci sono trackback e pingback dispinibili per questo articolo

Lascia un Commento