(questo post non ha titolo)

Questo non è uno spettacolino in tournèe, sai?
Vi si gettano dentro le macerie della vita.
E quelle che si ordinano in un potente maelstrom che scorre veloce.
Oppure vengono sputate fuori per una rotazione vertiginosa su me stessa.
Come le persone che non riescono a vivere e vengono sputate fuori dalla vita.
Fuori da se stesse. Senza contenuti e senso.
Come un guanto privo della mano.
Poco importa, sai?
Non sono qui che per convivere con me stessa.
Per chi ne ha repulsione… Quella è la porta.

Io non ho bisogno di denaro.
Ho bisogno di sentimenti,
di parole, di parole scelte sapientemente,
di fiori detti pensieri,
di rose dette presenze,
di sogni che abitino gli alberi,
di canzoni che facciano danzare le statue,
di stelle che mormorino all’orecchio degli amanti.
Ho bisogno di poesia,
questa magia che brucia la pesantezza delle parole,
che risveglia le emozioni e dà colori nuovi.

[ Alda Merini ]

17 commenti

Trackback e pingback

Non ci sono trackback e pingback dispinibili per questo articolo

Lascia un Commento