(questo post non ha titolo)

Irrigata di desiderio che imprigiono dietro le mie labbra.
Bevo kyr royal. Uno, due.
Al terzo riesco ancora a trattenermi da qualunque atteggiamento sconveniente.
Non esiste stratagemma per scardinare la mia resistenza passiva.
Due occhi poco più in là formulano ipotesi di arrembaggio.
Non ho l’umore adatto ad una fuggevole quanto piacevole permutazione.
Il gusto dolce del cassis dilaga nella gola.
Volto le spalle al bancone e mi soffermo sul catalogo di sguardi predatori tutto intorno.
Ognuno in cerca di qualcuno. Tutti senza nessuno.
Inizia a mancarmi l’aria. Presento la crisi di inabissamento.
Voglio evadere da questa compattezza di selvaggina in bellavista.
Mi scaravento fuori dal locale, boccheggiando come un pesce.
Il trucco ancora perfetto, gli occhi un po’ lucidi.
Non dispongo più di alcun mezzo per insonorizzarmi.

16 commenti

Trackback e pingback

Non ci sono trackback e pingback dispinibili per questo articolo

Lascia un Commento