Archivio per dicembre 2005 | Pagina di archivio mensile

(questo post non ha titolo)

Impongo alla mia debolezza la maschera di una fastidiosa impudenza.Del resto ogni recita esige il suo spettatore. Non esiste oblazione amorosa senza un po’ di teatro.Un’emorragia di desiderio. Cerchio aperto. Deriva.Preda di un mericismo emotivo, inghiotto e rigurgito continuamente la mia paura.Sono metà sognatrice e metà niente.

(questo post non ha titolo)

Su mille conversazionipartecipo ad una,e anche questo non necessariamente,poichè preferisco il silenzio.Lo strepitìo delle feste mi strangola.Finchè non c’è un’eco capace di parlare.Finchè non riesci più a distinguere doloreda tutto ciò che dolore non è.Stare dentro gli eventi,dileguarsi nelle vedute.Una manciata d’aria con una farfalla in volo.Mi basterebbe.

(questo post non ha titolo)

Ci sono.Non temete. Forse fra qualche giorno mi verrà anche qualche cosa da dire.Per il momento ho abdicato all’accidia.E intimamente decapitato l’idea del Natale.

(questo post non ha titolo)

[ Molto prosaicamente parlando… ] Quattro giorni fuori casa. Tra bancarelle natalizie, shopping sconsiderato, cortei di protestanti della Val di Susa. E coliche a singhiozzo.Lo so. Non sta bene raccontare dei propri acciacchi. Infatti questi non sono più acciacchi, sono parte integrante del pacchetto regalo CrisalideInversa. Affascinante.In ordine sparso negli ultimi dieci giorni ho trangugiato -sedetevi-: […]

(questo post non ha titolo)

Esito tra tirannia ed oblazione.Tra uno sguardo che regala all’altro il lusso di essere soggetto.Ed uno che lo relega ad oggetto.Larvata prodeo.Dal velo della discrezione e dell’impassibilità.Ma un ribollimento di immagini impasta lucididità e oblio.Il tappeto del silenzio mi striscia dietro. Un tapisroulant a scacchi.Sontuso montaggio di un’inettitudine.

(questo post non ha titolo)

Non ho tempo. E voglia. E ispirazione. Forse sostanza. Perdo il senso di scrivere le cose per strada.Manca qualcosa da dire che non sia il consueto ridire. Mi esacerba lo stagnante quotidiano che vivo. Oppressa dall’apparente assenza di prospettive.Attendo un flusso benigno di istanti che arrivino… precipitino… si disperdano -al limite.Ne avrei di entusiasmo da […]

(questo post non ha titolo)

Un singhiozzo asciutto. Asfittico.Questo bianco pesante che allaga, intorno.Cogliere l’opportunità che, con piedi leggeri, danza sull’orlo dell’abisso.De profundis.Una figura magra, orlata di rosso scuro. Disegnata sullo spartito.I pensieri allineati in forma geometrica che si sovrappongono l’uno sull’altro.Come un favo di miele.Mentre il tempo si sgrana nella misera realtà delle cose.L’incertezza resta a smorzare i miei passi. […]