(questo post non ha titolo)

Tappezzo la vita con giorni verniciati di bianco.
Ora tappezzerò la mia pelle con le parole che più mi appartengono.
I giorni e le notti suonano in questi miei nervi d’arpa.
Rileggo. Ripeto.
I giorni e le notti suonano in questi miei nervi d’arpa.
Una pazzia? Forse il mistero di un’incertezza che voglio fissare.
Quanti segreti nel destino di una vita.
Anche oggi cercherò una breccia.
Una parola che mi tenga in bilico sul confine ideale
tra realtà e finzione.
Tra non molto avrò le mie.
Scritte sul corpo.

16 commenti

  1. Anonimo

Trackback e pingback

Non ci sono trackback e pingback dispinibili per questo articolo

Lascia un Commento