Archivio per febbraio 2006 | Pagina di archivio mensile

(questo post non ha titolo)

Che un solo concetto significhi vita eche un solo desiderio la raccolga.Riposare in una parola tiepida.In una mano curvata, a nido.Primo rifugio.Della mia ottusa inappartenenza.

(questo post non ha titolo)

Il sole sembrava voler dire la sua, stamattina. E invece no. C’è un biancore pallido, là fuori, che profuma già di primavera e ancora di densa umidità.La caviglia duole quanto basta a ricordarmi che il tatuaggio è lì. La carne pulsa, unta di vaselina.Però è bello. Davvero bello, elegante.A fine marzo ho già appuntamento per il secondo. […]

(questo post non ha titolo)

Sette ore. Tra sette ore sarò sdraiata su una poltrona di pelle simile a quella del dentista.E lancerò una monetina in aria per scegliere tra due soggetti e due punti del mio corpo dove farmi tatuare.Sfido la regola. Nessun avvenimento da celebrare. Nessun inizio e nessuna fine da ratificare. Nessuna storia d’amore da glorificare.Io il […]

(questo post non ha titolo)

Hai ragione.La mia forza di persuasione ha come interlocutore non gli altri ma me, per prima.Questa sincerità al suo manifestarsi è un divenire molto più spinoso di ogni verità rivelata.Invece di traghettarmi oltre mi sottraggo.Volto le spalle senza aver dato a vedere nulla.Non perchè sia certa di venire rifiutata o respinta.Mi terrorizza il dubbio di […]

(questo post non ha titolo)

(questo post non ha titolo)

[ è venerdì diciassette. l’umore si adatta. docilmente ] Il niente mi si è rovevesciato addosso. Rivoltato contro.Scorre lungo i binari di queste ore dense come colla.Disteso sulle curvature di una ciclica attesa.Fissa di sottecchi questo cumolo di. Di?Che meraviglia le scale da scendere di corsa.Che meraviglia vergognarsi fino ad arrossire.Dieci miliardi di cellule nervose. […]

(questo post non ha titolo)

Accelerazione emotiva.Sono percorsa da correnti brucianti come lame.Ripenso alla donna dal volto spento che sedeva di fronte a me, nell’autobus.Aveva i lineamenti della provvisorietà. Una costante oppressione del quotidiano rigava la sua faccia.Ed io a guardarla.Il mio cervello aggrovigliato come un intestino.Ostruita da ogni lato.Osservavo la mia vita in controluce.

(questo post non ha titolo)

Ho scattato trecentoquarantasei foto. Mi sono scottata le guance e la punta del naso che fissava la sommità del trampolino di salto.Ho mangiato gofri al prosciutto e formaggio. Bevuto più birra di un finlandese in compagnia di un gruppo di finlandesi.Sono stata appollaiata su una montagnola di neve, all’ombra, a meno otto per vedere un’infelice discesa […]

(questo post non ha titolo)

Una libertà vuota di senso, dai contorni indefiniti.La sento, la caduta.Invece di conquistarmi con la fuga mi vedo incolta.Buttata in un cubicolo senza dimensioni dove la luce e l’ombra sono fantasmi tranquilli.Ciò che desidero non ha ancora nome.Sono un giocattolo a cui si dà la carica.E che, una volta esaurita, non troverà una sua vita propria.Eppure […]

(questo post non ha titolo)

Prendiamola con ironia, va.La vita è una grande maestra. La seccatura è che io non sono un’allieva modello. Non nella vita, almeno.La mia militanza nei rapporti con l’altro sesso mi ha regalato un carnet strabiliante.Un florilegio di curiosi individui.Dissociati mentali, anaffettivi, egoriferiti cronici, sessualmente deviati, bugiardi compulsivi, alienati sociali, gerontofobici.In un impietoso confronto le mie […]