(questo post non ha titolo)

Sette ore. Tra sette ore sarò sdraiata su una poltrona di pelle simile a quella del dentista.
E lancerò una monetina in aria per scegliere tra due soggetti e due punti del mio corpo dove farmi tatuare.
Sfido la regola.
Nessun avvenimento da celebrare.
Nessun inizio e nessuna fine da ratificare.
Nessuna storia d’amore da glorificare.
Io il tatuaggio me lo faccio perchè ho deciso che lo voglio fare. Non ho tempo ne’ voglia di aspettare il destino.
L’ineguagliabile enormità di questo vuoto implora la mia attenzione. Lo riempio io questo zero assoluto. Svincolandomi dall’autocommiserazione.
A modo mio. Visto mai che mi piaccia.

16 commenti

  1. Anonimo

Trackback e pingback

Non ci sono trackback e pingback dispinibili per questo articolo

Lascia un Commento