(questo post non ha titolo)

La forza degli occhi.
Di ore sospese, con tale intensità, che si pietrificano.
E nessuna forza in grado di riscattarle.
Le mani sui fianchi.
Il germogliare lieve di un respiro innestato sul respiro.
La sua parabola che si fa largo in una strettura florida.
Dove strazia un piacere insolente.
Ma non definitivo. Non ancora.
Tornare dove non si è mai stati.
Senza smarrimento.

14 commenti

Trackback e pingback

Non ci sono trackback e pingback dispinibili per questo articolo

Lascia un Commento