(questo post non ha titolo)

Due ore di chiacchiere fiume con la Saggia.
Questo mese non si contano le ricariche telefoniche che ho fatto. Ma, a volte, parlare serve.
Mi sento come il Vajont. E la Saggia è l’unica persona in grado di neutralizzare la mia estrema conducibilità emotiva.
Mi mette in pausa dal mondo e mi trascina negli sconosciuti territori della concretezza. E’, pertanto, preziosissima.
Le infinite interpretazioni degli eventi, che si tengono per mano come bamboline ritagliate su un foglio, lei le riduce ai minimi, sconfortanti, termini.
Crea contenitori per la raccolta differenziata delle mie elucubrazioni.
Pone cartelli di deviazione per i miei tortuosi percorsi mentali.
Canzona la mia naturale predisposizione alla -come si dice? ah, sì- creazione di improbabili scenari.
E’ preziosa  proprio perchè cruda. E anche un po’ maschile nel suo compendiare la vita.
Non devo esaminare niente che non abbia connotazione evidente, sostanziosa, impavida.
Così ha sentenziato.
Tra il dire ed il fare, ok. Ma tanto, nell’ultimo periodo, applico eccezioni su eccezioni.
Ibis redibis non morieris in bello.
Adesso mancano solo le virgole.
Quelle giustamente posizionate, possibilmente.

3 commenti

Trackback e pingback

Non ci sono trackback e pingback dispinibili per questo articolo

Lascia un Commento