Archivio per luglio 2006 | Pagina di archivio mensile

(questo post non ha titolo)

Un negroni per me. Un americano per la mia amica. Bisogna non festeggiare il mio compleanno. Io e Effe sembriano due personaggi estrapolati da un fumetto. Lei bionda, vestita con un abito ciclamino, pelle appena abbronzata, occhio azzurro. La barbie esiste e respira. Io mora, vestita di nero, pelle bianca, occhio verde, bistrato. Morticia esiste […]

(questo post non ha titolo)

.32. Evabè.

(questo post non ha titolo)

Arsura. Aridità. Afa. Oggi i sostantivi non hanno valore, nemmeno affiancati ad un paio di aggettivi chiassosi. Le voci dei manovali si raccolgono sulle travi, ripetendosi fino alla ridondanza. La luce del sole, incanalata dall’aria rarefatta, riscalda perfino i doppivetri. Ingigantisce la polvere in sospensione -macroscopico microscopio- Sparsi sulla scrivania un coacervo di fogli, liste, […]

(questo post non ha titolo)

Sveglia al suono della sirena del cantiere edile di fronte a casa [07.15] Doccia ad occhi ancora chiusi, doppio caffè espresso Lavazza Blu con un’ombra di latte parzialmente scremato. Coda di cavallo, gonna di jeans texana, canotta, infradito. Sono già sudata. Il pensiero di una seconda doccia mi sfiora, ma no. Tanto è inutile. Sudata […]

(questo post non ha titolo)

Che strepitoso ottovolante, la vita. Giornate che si avvitano a cavatappi nella più totale piattezza e poi. E poi la percezione di una curva in discesa, una leggera accelerazione, il fastidio della nausea quasi dimenticato. Quasi. Ché la spia dell’abiezione è lì, dietro la prossima curva. Quando credi che l’ottovolante ti porti lentamente verso il […]

(questo post non ha titolo)

Non riesco ad ancorare il pensiero. Ciò che si ripercuote dentro me è quello che apprendo attraverso il corpo. Qualcosa di sottile ed aguzzo pungola quella parte che s’era assopita nella coalescenza dell’intelletto. Sono una immensa cassa di risonanza senza encefalo. Rido. I parametri, stravolti. Mi riscopro ad accantonare il binomio capire/accettare a favore di […]

(questo post non ha titolo)

A pensarci bene avrei più cose da dire in questi giorni di quante ne abbia avute nell’ultimo semestre. E’ che non ho ne’ la voglia ne’ la pazienza di filtrarle e congetturarle in pensieri. Tantomeno cristallizzarle in perifrasi. A piccole dosi ruminerò l’accadente, forse. Ché poi non è detto. Quando analizzo, sviscero, soppeso. Quando mi trovo a fare […]

(questo post non ha titolo)

Un refolo di vento fa ondeggiare le tende e mi sfiora i piedi. Albeggia. Mi sveglio così. In un sudario asciutto, indolenzita. Respiro l’indispensabile. Come se dentro di me non ci fosse spazio per l’aria. Serenamente vuota, assicuro posto a. Senza troppe titubanze. Vivo giorni in funzione di quest’unica matrice. Recipiente. L’avvizzito circostante può farsi bastare […]

(questo post non ha titolo)

Avevi mani piccole e dita sottili che facevano male. Sapevano amputare la mia capacità di parlare con le parole. Di parlare anche solo andandomene. Mi arrotolavo a scatti nell’invoglio di quelle dita. M’affacciavo e scomparivo da dietro il vetro dei miei stessi occhi per tentare di vederti con intelligenza. E annegavo nella tua fame e […]

(questo post non ha titolo)

Cosa ne sai tu. Cosa della dispersione. Del Quasi che è la mia sola ala. Dell’esangue tenerezza con cui attendevo. Cosa dei miei meandri vili. E delle vette di coraggiosa incoscienza. Degli incendi che ho consacrato. Delle speranze suppliziate, delle smanie stanche. Cosa ne sai tu. Dello spazio che si dispiega nei miei occhi. Degli […]

(questo post non ha titolo)

[ ore 01.50 ] E’ un piacere che s’innerva, sottile. Ctonio. Un’ansa zuccherina dietro la nuca. Audace alla sua foce. Flabello notturno a sfiorare i miei inguini chiusi. Desinenza docile di queste ore. Sospese. Nell’aria immobile e calda che ferma i rododendri. E non saperlo definire altrimenti. Che così. Sgravato dal mio bàttito insonne e stralunato. Sulla […]

(questo post non ha titolo)

Il mio punto debole è questa estate. A qualcuno interessa? Bevo dalla sua bocca asciutta, spremendola fra le braccia.Il fresco delle lenzuola è uno svogliato desiderio che si fonde sulle mie gambe.Avvoltolate nel tessuto, umido. Mi ritrovo seduta in terrazza alle cinque antelucane.Sbircio l’alba azzurro cenere oltre le colline e stiracchio i muscoli.Quasi al mio […]

(questo post non ha titolo)

Campioni del mondo. Con questo trofeo in braccio sarà più facile riallacciare i fili con la realtà di un campionato deprezzato.Ce lo culleremo, satolli, in attesa che le serie A, B, C e C1 [ché non si sa mai] scivolino via, in fretta. Ubi maior.Io ho festeggiato con tre pasticcini tre. Ingollando champagne, beffarda. Ghignando della pessima chiusura di carriera di Zidane […]

(questo post non ha titolo)

Mi sento come quel campo di girasoli. Traboccante.Illuminato di taglio da un sole ormai smorzante dietro le colline, a ovest.E mi sento un po’ come quella stradina scabra che ci portava su, a Olimpia.Sinuosa, lenta, accarezzata dai papaveri che si allungavano dal ciglio.Mi sento come il profumo dei gerani cremisi e delle ortensie.Come il bouquet […]

(questo post non ha titolo)

[ looking back on ] Dal mio disarmato omnibus.Spargo becchime sul davanzale di uno sguardo inintellegibile.Quando l’effabile deve tradursi in effato? Non conta. L’agìto, quello sì.Ricordo le tue parole a ventaglio. Aperte/chiuse con scorrevole eleganza.S’arriccia il pensiero del concluso, rovente pagliericcio.Punge un granello di zucchero nel guscio delle palpebre.In me converge una raggera di fili sensibili, […]

(questo post non ha titolo)

La piacevolezza di assecondare l’onda lunga di un dialogo. Adocchiare la prefazione e sottrarsi al silenzio. Stupita.Regalare schegge di intimità. Inaspettatamente dischiusa, rutilante fiore.Non possiedo nessuna idea tattica della realtà.La prudenza si morula. Esserci, tremula ma e prodiga.Certo, la chimera potrebbe sgretolarsi. E risucchiare nel collasso questa impellenza.Recupererei il lenzuolo bianco della noncuranza, tirandolo su. Fino […]