Archivio per agosto 2006 | Pagina di archivio mensile

(questo post non ha titolo)

Mi basterebbero effusioni verbali, ora. Orbite riempite di occhi come i tuoi. E qualche carezza. A svellermi dall’alibi del cinismo.  / Le mani ad artigliare come rampini la mancanza / Seduta un giorno intero davanti a quello specchio. A rianimare i fiori dell’incendio che covo. Sotterraneo. E superare, perdonabile, il limite della pudicizia. Per chiederti […]

(questo post non ha titolo)

Me la sento premere addosso, questa quantità infinita di cose che si muovono. Di avvenimenti che accadono. Di vite brucanti vita. Di indirizzi esatti. Preme e mi nega il respiro. Il tempo che mi sta attorno, le settimane, quelle che devono venire, quelle passate. A premere come un ariete sullo sterno. Potrebbe salvarmi avere tre […]

(questo post non ha titolo)

Mi concedo d’essere preda di una volontà sterminatrice. L’inutile. Via. Il vecchio, lo stantìo. Via. Decimati i numeri in rubrica. I contatti messenger. I preferiti sul web. Cassata in dieci minuti un’amicizia quindicennale. E senza nemmeno lo sforzo di parlare. Cestinati cosmetici e farmaci in fase di scadenza. Cartacce varie. Lettere. Moleskine carichi di appunti […]

(questo post non ha titolo)

Le parole sono segatura raccolta in un barattolo di latta. Qui non serve gracchiare il dolore. Ne’ parafrasarlo. Scricchiolano i moventi. Arretrano le ragioni. Il leitmotiv si ripete, avviluppandomi come una garza sterile. La mia vita riesce ad incespicare perfino da seduta. Forse la mia stanchezza si scioglierà in una molle abulìa. Forse il rifiuto […]

(questo post non ha titolo)

Quando ci si ritrova in città, dopo aver lasciato il mare. Il riverbero della luce che ti punge gli occhi. La raccolta rituale dei sassolini sulla battigia. La pelle tesa, arrabbiata di sole e sale. Quando ci si ritrova in città e tutto torna. Torna, bussando alla porta dell’ovvio. Mentre gioco a mosca cieca con […]

(questo post non ha titolo)

Di rientro. Talmente rilassata da risultare impigrita. E a tal punto distratta da apparire vacua. Appena avrò riacquistato il dono dell’orientamento lessicale saprò dire qualcosa. Chè ora mi risultano distanti coordinate e motivazioni. Bentrovati.