(questo post non ha titolo)

La formula al tempo stesso più semplice e più falsa per stringere la felicità è la resistenza. Io sono nata per resistere e l’ho sempre saputo, è sempre stato così, fin da piccola.
Pazienza, costanza ed una facilità congenita di raggomitolarmi davanti al primo segno di minaccia, improvvisando un guscio istantaneo e durissimo capace di proteggermi da qualunque incursione esterna, di qualsiasi natura fosse. Resistenza allo sbando, resistenza emotiva, resistenza formale.
L’importante è resistere: collegare l’orecchio sinistro al destro con un tunnel immaginario, dal diametro capace di veicolare qualunque fiume di parole sgradevoli (o gradevoli, ebbene sì) che mi aggrediscano da un lato della testa per evacuarle istantaneamente dall’altra parte, tenendomi in salvo dal loro significato e dalle probabili conseguenze.
Resistere, aspettare il momento propizio alla ribellione, fingere una completa soddisfazione nei momenti brutti, anelare intimamente all’arrivo di quelli belli, cedere prima che diventi inevitabile e mascherare il cedere da concedere. E restare a galla.
Ecco come ho vissuto io, schivando i problemi e le grandi decisioni -forse anche le grandi occasioni-
Un atteggiamento così sensato che m’è valso tutti i pronostici di una serenità eterna quanto sbiadita. Il tempo però non è infinito.
Ed io ho iniziato a perdere gli anni, ho iniziato a rendermi conto che guardavo indietro e non riuscivo più a vederli perchè erano caduti, si erano disfatti, elisi e poi cancellati a vicenda. E’ finita che il tempo che mi resta m’è apparso sempre più corto, troppo breve per ospitare comodamente lo spirito di una persona nata per resistere. Il tempo è per chi lo brucia non per chi lo esaurisce in apnea.
Così mi sono ritrovata ai limiti dell’agonìa, nella condizione di tenace moribonda affettiva.
Il solo ammetterlo mi costa incredibilmente perchè è come tentare di boccheggiare dopo l’apnea e ritrovarsi l’aria satura di ogni emozione. Irrespirabile.
E non sapere come rieducarsi al respiro.

18 commenti

Trackback e pingback

Non ci sono trackback e pingback dispinibili per questo articolo

Lascia un Commento