(questo post non ha titolo)

Ci sono eh.
Silenziosamente agente ma ci sono. Chè il pensiero può essere il supremo dei piaceri o il supremo degli orrori ed io, ora, ho bisogno di sprofondare fisicamente nello svolgere.
Così. Mi sono iscritta in palestra coartando la mia proverbiale pigrizia, ho programmato due visite ai musei di Brescia e Milano per vedere Turner e Klee e sto valutando la stravaganza di incontrare una persona che mi scrive mail gentilissime da qualche tempo.
Mi sento un neon sfarfallante. Porto con me un senso di innaturale frenesìa che fa un po’ sorridere ma va bene così. Mi piace l’idea di annuire ad una direzione imprevista.

13 commenti

Trackback e pingback

Non ci sono trackback e pingback dispinibili per questo articolo

Lascia un Commento