(questo post non ha titolo)

Umore piovoso con tendenza al temporalesco. Era prevedibile, l’avevo messo in conto.
Sembro la tela umida di un pittore surrealista stesa ad asciugare sotto il sole di maggio.
Gocciolo colore e senso e un profumo che esige contatto, ché l’apertura alare di un abbraccio sintetizza sempre Tutto. Del resto il mio corpo non è mai riuscito a concretizzare niente che la mente non avesse già consumato nel desiderio. Per questo oggi mi resta un senso di incompiuto nell’intimità della bocca.
Una voglia non corroborata dal desiderio e, pertanto, inappagabile.
Vorrei solo mi capitasse quello di cui ho bisogno senza dovermelo meritare. E senza passare dal Via.

25 commenti

  1. Sds
  2. Sds
  3. Anonimo

Trackback e pingback

Non ci sono trackback e pingback dispinibili per questo articolo

Lascia un Commento