Archivio per novembre 2007 | Pagina di archivio mensile

(questo post non ha titolo)

Tra le innumerevoli e sciocche attività con le quali impiego il tempo che vorrei diversamente impiegare ce n’è una che ha il suo perchè. Domenica vado all’Artigianato in Fiera, a Milano. Potessi, mi porterei una canadese per visitare tutti i duemilaseicento espositori sistemati nei ventuno padiglioni. Cenerei indiano domenica sera, dormirei nell’area Baby club e farei colazione alla bavarese, […]

(questo post non ha titolo)

Non va meglio di ieri. Lo speravo, ma l’ondata di alta pressione alleata alla tensione premestruale giocano a mio sfavore. Non esiste niente di più simile ad una lotta questo mio cercare palliativi. Torniamo al discorso delle cause? No, non ci torno. Quando lo farò sarò pronta a chiudere baracca e burattini, probabilmente. Dicevo, dei palliativi. […]

(questo post non ha titolo)

Poi mi rendo conto che questo mio dire è un elogio all’incompiutezza. Tutto quello che non ho raccontato e che resta dietro le quinte, le date che ho omesso e che hanno lasciato gli unici segni di cui non parlo. Il nove febbraio, il quattordici giugno, il dieci novembre, il sei settembre, il trentun dicembre. […]

(questo post non ha titolo)

La mia panchina sgangherata è occupata da due fidanzatini in odore di maggiore età. Ho guidato per novanta chilometri e mi ritrovo con questi due polipi usurpatori avvinghiati sulla mia panchina. Evabè. Scelgo uno scoglio piatto sufficientemente distante dalla coppietta e mi siedo. Ci sono quattordici gradi e il sole è già basso sull’orizzonte anche […]

(questo post non ha titolo)

Piove da giorni. Piove in modo uniforme e noioso e senza vento che faccia innervosire la pioggia, come se non avesse la fretta ne’ la furia o l’urgenza di abbattersi su qualcosa. Io mi barcameno nella lettura di parole untuose, eccessive, gratuite. La tentazione sarebbe tracciare marcati segni blu invece mi astengo. Indosso calze settanta denari, scarpette di vernice nera […]

(questo post non ha titolo)

Oggi è il compleanno di Hawk. Quarantanni. Il suo regalo sono quattro libri, uno per decennio. Mi auguro di averne azzeccati almeno la metà. Quanto a me, passo il tempo in cui non trottolo a pensare pensieri leggeri che decontraggano, tonifichino e rassodino l’umore. Stamattina ho indossato per la prima volta nella stagione cappello e […]

(questo post non ha titolo)

Gargarizzo il colluttorio una manciata di secondi e poi lo sputo nel lavabo. Lo Iodosan mi appaga più dell’Oral-B perchè mimetizza le tracce del sangue gengivale. C’è una vena pulp di pessimo gusto che si mescola all’umore grigiastro di oggi. Tipo che mi verrebbe da tagliarmi trenta centimetri di capelli e tingerli di biondo platino, […]

(questo post non ha titolo)

Le domande hanno più senso quando sei bambina –perchè no? mi vuoi bene? me lo prometti?– Da adulta impari che porsi molte domande ruba tempo al tempo di vivere. E’ più forte di me, probabilmente perchè la mia parte emotiva è infantile, esuberante, prepotente. Aver imparato a contare fino a dieci con l’intento di soffocare lo […]

(questo post non ha titolo)

Questo blog potrebbe finalmente sbiadire e virare ad un bianco accecante e minimalista. Ho sempre amato il superfluo, chissà cosa m’è successo. Sono venuti a raccontarmi una storia e ci ho voluto credere, con la fronte corrucciata, impegnandomi. Era plausibile e così amabile, al palato. Poi mi sono seduta su una panchina sommersa dalle foglie di un […]

(questo post non ha titolo)

Poi passano i giorni e ti accorgi che l’ira può trasformarsi in riso -complici le gerbere, undici e pimpanti, in ammollo nel vaso di vetro trasparente- Ti basta ampliare lo sguardo sulle cose e gli accadimenti ed essere indulgente con i limiti invalicabili che certe persone patiscono, te compresa. Tu per prima speri sempre che […]

(questo post non ha titolo)

Avrei parole cattive da dire se avessi voglia di pronunciarle. Se credessi che ne valesse la pena. Questa pausa a labbre serrate non ha altro scopo se non quello di lasciar passare il tempo. Una falsa indolenza che maschera rabbia. Una rabbia in cui ho trasmutato la voglia di tornare indietro e scegliere una strada […]

(questo post non ha titolo)

Io non sono carina. Non ho modi carini, ne’ sorrisi carini. Non so mediare con l’interlocutore -tantomeno se sono io- e ho difficoltà a pazientare di fronte ad un atteggiamento tentennante. A volte mi chiedo perchè ho sviluppato questa intolleranza nei confronti delle mezze misure. Credo dipenda dal fatto che io sono un’affamata perenne: di parole, di […]

(questo post non ha titolo)

Parlare con Bolilla mi fa sempre bene. Perchè mi ridimensiona, mi detesse sciogliendo nodi amari e groppi in gola. Mi ricorda che una nota stonata non rovina la sinfonia se non ti concentri sulla nota stonata. E mi rincuora con cruda premura, di quelle scevre da inutili sentimentalismi e indulgenze. Perchè è vero, io riempio […]

(questo post non ha titolo)

C’è che passare un pomeriggio al mare con ventidue gradi a novembre è una delizia. Che ti sembra di poter sentire da un momento all’altro una bava di vento che profuma di mimosa o di crema abbronzante. C’è che ti basta camminare senza sapere se stai apparendo o scomparendo nell’orizzonte di chi ti guarda, senza che […]

(questo post non ha titolo)

Certe regole valgono per tutti, ma per te di più. Perchè tu sei rettilinea e da te ci si aspetta un comportamento savio, regolare, coerente. Certe sviste si perdonano a tutti, ma a te un po’ meno. Perchè tu sei attenta, vigile, minuziosa. Certe sensibilità si apprezzano in tutti, ma a te con riserva. Perchè […]

(questo post non ha titolo)

Dunque, dal momento che questo blog sta diventando un salotto ciarliero, presumo vogliate sapere come sia trascorso il mio appuntamento col Belloccio coetaneo e brillante. Per coloro cui non importa nulla suggerisco di passare oltre perchè questo post è a contenuto insopportabilmente frivolo. Dicevo, l’appuntamento. Io vi potrei anche scrivere come credo sia andata, ieri […]