(questo post non ha titolo)

[ L’ultimo film dell’anno. Le ultime paturnie dell’anno ]

Poi torni a casa.
I ventidue gradi di Siviglia sono un ricordo che pare annidato in un passato remotissimo.
Ti ritrovi a meno otto gradi, nella tua casa, la valigia ormai disfatta, la lavatrice che centrifuga, i vicini di casa partiti per la montagna.
E Siviglia è così lontana. Siviglia e non solo Siviglia.
Si avverte l’assenza delle grandi cose quando non se ne hanno nemmeno di piccole cui dedicarsi. Così decidi per un cinema: Caramel.
Nella sala meno capiente del multisala comunale ti siedi con altre otto persone. Due coppie e quattro donne tra cui Effe che ti ha raggiunto all’ultimo.
Caramel è una canzone triste. E’ l’illusione di essere artefici del proprio destino. E’ la bellezza della consolazione amicale, della forza della passione. E’ confidenze a mezza voce, complicità, attaccamento alla vita.
Caramel commuove con l’invito di Charles a Rose scritto sulla vetrina del suo negozio di sartoria. Intristisce con il racconto della rinuncia di Rose a quell’appuntamento, di più, fa rabbia, tanta rabbia vederla struccarsi sotto i colpi della sorella alla porta chiusa a chiave.
Stringi i pugni fino al punto di imprimere le lunette delle unghie nei palmi.
Caramel intenerisce e amareggia con il bisogno estremo di Jamale di sentirsi ancora giovane, fertile, appetibile nel tempo ormai presente della menopausa e di un matrimonio fallito. 
Effe ti passa affettuosamente un lecabon e tu lo infili in bocca, sperando consòli con la sua nauseante dolcezza.
Poi pensi che sei qui, a casa, una casa che è più simile a Beirut che a Siviglia.
Che se non fosse per quel nero profondo e assoluto degli occhi di Layale, Layale potresti essere tu. E non perchè hai fatto la parte dell’amante nella tua vita.
Perchè conosci il senso ed il prezzo dell’attesa -ma non hai lo sguardo dissodante di Adel Karam ad accarezzarti, muto e premuroso-
Caramel non dovevi vederlo, pensi. Però, che bello.

14 commenti

  1. utente anonimo
  2. utente anonimo

Trackback e pingback

Non ci sono trackback e pingback dispinibili per questo articolo

Lascia un Commento