Archivio per 2007 | Pagina di archivio annuale

(questo post non ha titolo)

Questo è stato un giugno teso e ventoso. Impaziente ed incalzante come un amante alle prime armi. E’ stato un giugno tappezzato di punti esclamativi, di crepuscoli tardivi da morirne, di tigli rapidamente sfioriti. Mi sono persa dentro ad un paesaggio che sfiata, dentro al calore di una volontà, forse di una violenza, perfino d’un […]

(questo post non ha titolo)

I compartimenti stagni tra l’essere stata Amica vera, non esserlo più o non esserlo temporaneamente mai più, non sono così difficili da vedere. Ho imparato a riconoscere questa mia mancanza di sfumature proprio per evitare il senso del ridicolo. Un’amicizia come la tua non è più desiderabile di un sacchetto della spesa una volta svuotato […]

(questo post non ha titolo)

Vado e vengo dallo schermo, senza troppa convinzione. L’arsura quasi mi risucchia e la sete arde in gola. Impilo pensieri uno sull’altro come fossero fascicoli pubblicitari e bollette. Quelli troppo seri li riciclerò più avanti, quando l’umore in picchiata me lo consentirà. Adesso mi servono pensieri scalzi ché mi sento una spiaggia sassosa e asciutta. Non […]

(questo post non ha titolo)

Impacchetto tutto questo desiderio con carta riciclata a fiori e lo butto in un cassetto? No. Scelgo di sorreggerlo con le parole, di trattenerlo offrendolo su un piatto da portata. I polpastrelli non si lasciano addomesticare e si muovono veloci sulla tastiera. Ho l’ambizione di descrivere il mio io desiderante con efficacia ma c’è il rischio […]

(questo post non ha titolo)

E poi ti soprende la consapevolezza che, alla fine, ricerchi solo il piacere di recuperare un sapore. Di recuperare qualcosa il cui ricordo ha lasciato dentro di te le tracce per ritrovarla, nel tempo. I raggi obliqui del sole sullo specchio piatto del mare. I marinai dalla pelle asciutta che attraccano i gozzi. Qualcuno che ti […]

(questo post non ha titolo)

“ Un amico lontano è a volte più vicino di qualcuno che ti respira accanto. E’ vero o no che la montagna ispira più reverenza e appare più chiara al viandante della valle che non all’abitante delle sue pendici? ” – Khalil Gibran – [ So che Gibran non è uno dei tuoi preferiti, ma rende […]

(questo post non ha titolo)

Il cellulare vibra ad intermittenza sul piano di vetro temperato della mia scrivania. Leggo il messaggio in arrivo. Rileggo. Chiamo per una smentita e ricevo una conferma. Le mosse in contropiede non sono mai riuscita a prevenirle. Alla fine io sono una persona mediamente prevedibile proprio perchè lineare nel suo relazionarsi agli altri. Scivolare sul […]

(questo post non ha titolo)

Come ho potuto ignorare l’esistenza di aNobii fino ad oggi?? Non ringrazierò mai abbastanza Ivan (per questa scoperta, per la minuziosa ricerca di file musicali, per la pazienza. Ecco) Insomma, mi sono iscritta ieri pomeriggio e mi sono sloggata dopo la mezzanotte. Ho inserito tutti i titoli dei libri che avevo sottomano, nello studio. Codice […]

(questo post non ha titolo)

Ristabilire un contatto col mondo è traumatico quando devi arrabattarti tra scartoffie, scadenze, spinose telefonate all’assicurazione e l’appuntamento dalla dentista. Ma sono riuscita a trattenere un pensiero a dondolo, delicato, per tutto il tempo della seduta. Mentre il trapano polverizzava una vecchia otturazione e gli schizzi di saliva bagnavano la mascherina di plexiglass della dottoressa. Ho trattenuto […]

(questo post non ha titolo)

A volte il desiderio va esclusivamente assecondato e declinato seguendo il paradigma del sùbito. Nessun passato a trattenere, nessun domani cui pensare. Il desiderio va abbracciato tra due parentesi che ti sospendono nel momento. Senza alcuna nota a margine, senza parole a corollario. Solo respiri brevi, inanellati come perle, a sgusciare fuor di labbra. A […]

(questo post non ha titolo)

Questo potrebbe essere un post prolisso o chiudersi qui, adesso. Scrivo preterintenzionalmente, oggi va così. Il punto è che alcune preziose intuizioni si affacciano alla coscienza, ma la coscienza le elude o se ne dimentica, poco dopo. Così ho deciso di gettare le reti ed aspettare, paziente. Avrei voglia di un post con precisi ingredienti: […]

(questo post non ha titolo)

E’ il tutto, è l’insieme ed è il nulla il cui profilo tratteggio piano, con i polpastrelli. E’ questo tornare a casa in un momento troppo presente per concedermi una pigra assenza. Sono queste sensazioni sulle quali sono disposta a sdraiarmi, assecondando le curve del loro corpo asciutto. Sensazioni che mi prendono in prestito, mi […]

(questo post non ha titolo)

"Tu sei come un’abitazione spaziosa con un’unica, esile sedia. Quella sedia sta nel mezzo della stanza e aspetta. Ha tutto il tempo che le serve. Il vuoto è pazienza infinita. Il vuoto è aspettativa di pienezza. La disperazione canta piano come il pettirosso, l’uccellino che cinguetta perfino a novembre, prima che cada la neve " […]

(questo post non ha titolo)

Di nuovo a casa. Un viaggio splendido, di molto oltre le mie aspettative. Faticoso, denso, appagante. Centoottomila tonnellate di stazza e undici ponti di nave dai quali gettare infiniti sguardi sul mare, sconfinato. Tremila e rotti passeggeri ospitati a bordo. Mille unità di personale, efficientissimo. Sei-quattro-tre-nove il numero della cabina sul ponte Lisbona. Milleseicentoquarantadue miglia marine […]

(questo post non ha titolo)

Dodici ottimi motivi per sorridere prima della mia partenza. Dodici candidi motivi che allagano lo studio col loro profumo denso. Che stemperano la diffidenza ed aprono le labbra in un angolo ampissimo, definitivo. Un po’ di quel bianco lo porterò con me, adagiato tra il kaftano di lino e la blusa di seta rossa. Sopravvivono […]

(questo post non ha titolo)

Antonia canta meravigliosamente. La sua voce si spande nell’aria come il polline, leggera, avvolgente. Ho tra le mani un bicchierone di rum cooler con due cannucce per sorbirlo meglio. Sembra una serata di mezza estate: gente in giro a mezzanotte, in infradito e camicia di lino. Capelli raccolti e acque profumate vaporizzate su tutto il corpo. L’unico indizio […]

(questo post non ha titolo)

Hai notato che è passata da poco la metà di maggio e siamo già avvezzi al fulgore estivo, all’aria dolce e satura del profumo dei fiori di tiglio? Non ho avuto nemmeno il tempo di desiderarlo e si fa respirare a tradimento, prima della fine delle scuole, prima del solstizio d’estate, prima del suo momento…  E’ insostenibile quando capita […]

(questo post non ha titolo)

Se cerco qualcosa è solo di tornare in un luogo fertile, accogliente questa mia inclinazione. Dirlo è come se accadesse davvero. Come se la rigida rilegatura del mondo si aprisse. E cedesse. Aver prediletto un tono monotono mi soddisfa: la ripetizione mi piace, e una ripetizione che batte sempre nello stesso posto finisce poco a poco […]

(questo post non ha titolo)

C’hai ragione, non dico di no. Ma io sono cocciuta e ho perseverato per tutta la vita nella stessa direzione: sopprimere le sensazioni e privilegiare i fatti -imparando a sentire come un ritorno, filtrando- L’ostinazione con cui tento di mantenermi neutra, l’inattitudine verso il mondo, questo denso atto di volontà permanente: rimanere attenta, senza lasciarmi […]

(questo post non ha titolo)

E’ una di quelle mattine che sembrano sospese nell’aria e che maggiormente ricalcano l’idea che ho del tempo. La finestra della veranda è aperta, ma l’aria fresca si è condensata all’esterno e non sembra voler entrare, come se qualsiasi intrusione costituisse una frattura d’armonìa. Non è questo il momento per chiedere qualcosa, per spezzare gli […]