Gnaulando

Il problema sono le assemblee di condominio e due inquiline attempate e isteriche che dibattono sulla possibilità di piantare una magnolia piuttosto che una betulla nel giardino condominiale. E togliere le fioriere dal vialetto di accesso ai garage perchè sono, sì, esteticamente meritevoli ma intralciano le manovre delle macchine in transito.
Ho problemi a trascorrere quasi due ore sentendo parlare di queste cazzate. Ne ho diversi.
Come ne ho nei confronti delle aspettative e delle domande retoriche.
Il problema sono io quando non mi sento l’età che ho e mi ostino a dormire con camicie da notte che nemmeno mia nonna.
Il problema sono le premesse spesso pessime e i sensi di colpa che seguono all’incapacità di fare del mio meglio con quelle pessime premesse.
Ho problemi con le donne melmose ed equivoche come con quelle che sono laide senza possibilità di equivocare, ma ho problemi anche con gli uomini inconcludenti che non sanno cucinare un risotto ma si depilano le sopracciglia.
Il problema sono i pensieri fuori misura di almeno un paio di taglie, rumorosi e giudicanti.
E’ un periodo in cui sono intransigente e scorbutica e impaziente, anche questo è un problema.
E poi ancora, il problema è dove trovare un’aria scanzonata e leggera, intonata al contorno e spalmarsela addosso come una crema idratante.
Oggi bevo té e penso a lui. Al suo nome sconosciuto. Alle sue notti lontano da me. Ai suoi occhi scuri che si rispecchiano in qualcuno che non riconosce la propria fortuna.
Mentre io sono qui a scrivere che il problema è che mi manca di incontrarlo.

26 commenti

  1. utente anonimo

Trackback e pingback

Non ci sono trackback e pingback dispinibili per questo articolo

Lascia un Commento