Ready. Steady. Go.

Pronta. Con un minimo di affanno ma pronta.
Il cielo è bianco, sembra una giornata scorbutica di fine settembre. Tanto meglio, la lunghezza del viaggio sarà più sopportabile.
Domani mattina presto siederò sul mio scoglio, cappello di paglia in testa. E domani sera ci sarà qualcuno già pronto ad organizzare la seratina e portarti nel localino tré scic a Diamante, camicia bianca e sorriso smagliante.
Io avrò i piedi come due zampogne e la voglia di rilassarmi sul dondolo in terrazza prenderà il sopravvento.
Effe gracchierà il suo solito tu non sai divertirti. Io le risponderò il mio solito è solo un esordio sincopato, tranquilla. Poi, magari, con l’andare dei giorni troverò il giusto spirito e ritmo, tra le canottierine fresche di bucato, le infradito e qualche mojito ben fatto.
Voi state meglio che potete. Ci si rilegge tra due settimane.
Vado.

16 commenti

Trackback e pingback

Non ci sono trackback e pingback dispinibili per questo articolo

Lascia un Commento