Delle sorprese.

Io l’avevo detto.
Sono disavvezza all’avere qualcosa tra le mani che non siano le mie mani, a tenersi forte.
E invece.
La saggezza dell’incoscienza è una mano capace di carezze disorientanti.

3 commenti

Trackback e pingback

Non ci sono trackback e pingback dispinibili per questo articolo

Lascia un Commento