Dei refrain

Io sono emotivamente stanca di sentirmi definire “una delle persone migliori che salcazzodiqualcuno ha conosciuto nella vita”.
Me l’ha detto, dopo mesi di silenzio, il cestista di Trieste. Me l’ha detto il mio ex convivente. Me lo dice l’Avvocato.
E intanto prendo calci nelle terga sistematicamente da tutti, interdetta, a fare i conti con la splendida persona che sono, sola. Perché?
Perché essere “una delle persone migliori che salcazzodiqualcuno ha conosciuto nella vita” non significa essere la persona che quel salcazzodiqualcuno vuole accanto. Non significa che voglia fare sacrifici per te, che si svegli la mattina pensando a come farti felice, non significa niente di niente.
Solitamente, sentirsi dire “sei una delle persone migliori che ho conosciuto in vita mia” significa che quella specifica persona da te ha preso tutto, perfino il midollo, e non ti ha lasciato un cazzo, in cambio.
Ecco, mi sarei frantumata le palle di sentirmi una spugna strizzata dopo la doccia.

7 commenti

  1. Bulut
  2. K.

Trackback e pingback

Non ci sono trackback e pingback dispinibili per questo articolo

Lascia un Commento