Archivio per 2017 | Pagina di archivio annuale

Dei lunghi papiri

Premettiamo che del 2017 io non salvo un singolo giorno. Non entro mai nei dettagli specifici di quello che vivo, mai una coordinata che identifichi persone, situazioni, quantomeno ci provo. E’ impossibile farlo per quest’anno. Dovrei raccontare della depressione di mia madre che sta peggiorando. Dell’operazione di mio padre. Dei miei acciacchi psicosomatici postraumaticidellesistenza, come […]

Del potercela fare.

Inizio telegramma. Sono viva -stop- Probabilmente il duemiladiciassette sarà ricordato come il peggiore dopo il duemilatre -stop- Non un bacio -stop- E ho detto tutto -stop- Con l’anno nuovo aggiornerò sventure e disgrazie -stop- Bevete bevete bevete -stop- Vi abbraccio -stop-

Dell’essere una bella persona

Che brutta sensazione. Mi sveglio nel cuore della notte per fare pipì e vedo la lucina del cellulare che lampeggia. Messaggio delle 00.56. Chance (ex convivente, unico amore storico felice, forse ve lo ricordate, ma sì) “bla bla bla… Questa sera abbiamo parlato di te, in tono solo positivo…. bla bla bla… Volevo solo che […]

Della vecchiaia.

Passano mesi e anni che sembra non sia passato un giorno. Poi li ripensi tutti e sembra passato un ventennio. E’ sconcertante che non accada nulla tranne nuovi acciacchi. Che tutto, con l’età, vada a ridursi, come un sugo. Ristretto ma non più buono. Evapora ogni resistenza al fuoco vivo della vita, ci si brucia, […]

Mi gioco il 23 al lotto.

No, oggi non parlo di anniversari, di mafia, di bombe che lacerano bambine con le orecchie di pelouche rosa in testa. Non ne parlo perché il disagio sociale è importante ma relativo di fronte a quello individuale. Oggi parlo a te che perdi tempo a non sentirti mai abbastanza. Che ti senti responsabile di ogni […]