Dell’essere una bella persona

Che brutta sensazione.
Mi sveglio nel cuore della notte per fare pipì e vedo la lucina del cellulare che lampeggia.
Messaggio delle 00.56. Chance (ex convivente, unico amore storico felice, forse ve lo ricordate, ma sì)
bla bla bla… Questa sera abbiamo parlato di te, in tono solo positivo…. bla bla bla… Volevo solo che tu sapessi che ti ho amata veramente e spero con tutto il cuore che tu possa un giorno essere felice…. bla bla bla… Un bacio
Quasi due anni di silenzio, senza rancore ma con mutatissima stima. Vengo in mente dopo tre pinte e, giustamente, perché non dar via libera alle proprie deiezioni emotive e mentali?
Ora. Io esco una sera ogni quindici giorni. Ho la vita sociale di un grizzly. Nessuno mi cerca, tutti mi stimano. Qualcuno mi guarda con sospetto.
Poverina, è proprio una bella persona. Speriamo sia felice prima o poi.
Brutti stronzi. Ipocriti di stocazzo.
Io non voglio che si discetti della mia vita da eremita quando è gente come voi che mi fa preferire la compagnia di un lichene.
Provo rabbia, vergogna, detesto che a me si pensi con compassione e un po’ di pena, mi basta la mia.
Voglio silenzio ed essere dimenticata.

8 commenti

  1. Swann

Trackback e pingback

Non ci sono trackback e pingback dispinibili per questo articolo

Lascia un Commento