Archivio Autore

Della resa

E’ giugno solo perché ieri era il quattordici e nel mio cervello uno spillo me lo ricorda con precisione, anno dopo anno. Potrebbe essere ottobre, gennaio, agosto. Il comodino. Sopra ci sono l’acqua, il bicchiere, fazzoletti di carta, tanti, alcuni usati, altri pronti per essere usati, il cellulare che figurati se suona. Un burrocacao. Venlafaxina, […]

Dei grandi Boh.

Ok, ci sono. Dopo una massiccia somatizzazione dell’elogio della fuga che manco Laborit, do notizie di me. Sono rientrata in possesso delle mie poche cose racchiuse in uno scatolone, le ho messe nel baule della macchina e lì le ho lasciate. Fare una cernita, adesso, impensabile. Per il resto mi sono espropriata di tutto ciò […]

Dei cambi di rotta

Avrei tanto bisogno di rider(n)e. Negli ultimi mesi sono stata ostaggio della depressione dell’avvocato e adesso sono sfinita. Forse è il caso che faccia una digressione perché così si comprende assai poco. Dopo Natale per questioni economiche e lavorative il mio pragmatico, affidabile e volitivo avvocato si è trasformato in una mammoletta lamentosa, pessimista, disfattista. […]

Delle prime volte

Ieri ho ricevuto la prima proposta seria di matrimonio della mia vita. Peccato non me l’abbia fatta il mio fidanzato.

Dei refrain

Io sono emotivamente stanca di sentirmi definire “una delle persone migliori che salcazzodiqualcuno ha conosciuto nella vita”. Me l’ha detto, dopo mesi di silenzio, il cestista di Trieste. Me l’ha detto il mio ex convivente. Me lo dice l’Avvocato. E intanto prendo calci nelle terga sistematicamente da tutti, interdetta, a fare i conti con la […]

Delle piccole cose

Stanno tagliando l’erba del giardino ed il ciliegio selvatico sta fiorendo. Le gazze ladre hanno costruito un nido enorme in cima al pino e la femmina sta covando le uova. Avevo voglia di sentire una voce amica stamattina e non ho chiamato te. Mi sono resa conto che non avresti potuto dirmi niente che m’aiutasse, […]

Post traumatico dell’esistenza

C’ho i miei difetti. Imparare la lezione ma reiterare l’errore è uno dei peggiori. E’ la prova che la natura non si scaccia nemmeno col forcone, puoi darle fuoco ma risorgerà dalle sue ceneri e verrà a cercarti per farti scontare l’affronto. Quando mi relaziono alle persone esordisco sempre con un solido chi cazzo sei […]

Dei venerdì neri

Ora, io capisco che i problemi individuali siano insindacabili e assoluti e incomprensibili da parte di -quasi- chiunque e magari tu provi pure a capire, giustificare e non è comunque abbastanza perché i problemi individuali sono insindacabili e assoluti, appunto. Però, ecco, pure io c’avrei questo problema insindacabile e assoluto e incomprensibile ma non lo […]

Di Chiara

Chiara non è un cane, è stata trattata peggio di un cane. Otto anni di segregazione, di vuoto pneumatico dal consorzio umano, a dormire tra il pattume, le feci, la polvere. Chiara che probabilmente ha chiamato, magari urlato, sicuramente pianto. Chiara che ha studiato all’università e adesso non si ricorda il colore del cielo perché […]

Ci sarà un perché…

…Se fare bilanci è un riflesso incondizionato anche se fa condizionatamente male. Se non ho mai il coraggio di dire che ho bisogno di qualcuno che si occupi e preoccupi per me. Se mi manca Libra ma non la vado mai a trovare; se le parlo e le dico che, in fondo, non si è […]

Delle rincorse

Non sono quello che sembro. E sembra che chiunque pensi di me quello che pensa sia sicuro di pensare il giusto. Dopo un periodo difficile in cui mi sono chiesta perché, quali colpe o meriti avessi, come potessi mai far ricredere o correggere la visuale altrui sto raggiungendo l’ambito traguardo di sbattermene. La mia famiglia […]

Delle meste considerazioni

Quest’anno non solo non si sente spirito natalizio nell’aria. Peggio. Si sentono tensione e livore. Un’insofferenza motivata da ragioni ingiustificabili. Siamo vessati da una pressione fiscale che manco nella fossa delle Marianne, scandalizzati da standard morali al ribasso, assediati da clandestini travestiti da profughi, turlupinati da mezza Europa, alluvionati da bombe d’acqua imprevedibili -ed io […]

Delle scuse anticipate per il post, nell’attesa che passi.

Oggi ho litigato con ogni persona con cui ho parlato in ogni ambiente in cui mi sono mossa. En plein. Non ho risposto al telefono per paura di replicare ed ho scritto un sms: ci sentiamo stasera. Ho buttato giù un ansiolitico e appena i nervi si sono allentati ho iniziato a piangere, via. Abbasso […]

Della cronaca

Ora, io avrei qualche considerazione da fare circa la questione cocente delle baby prostitute parioline. Ho letto stralci dei verbali degli interrogatori e delle intercettazioni tra queste due ragazzine e il loro pappone autista. Non è cosa nuova che vecchi bavosi, pervertiti padri di famiglia e annoiati eterosessuali trovino sessualmente conturbante una ragazzina che non […]

Del tempo sul corpo

Sto invecchiando. So che questa informazione non è rilevante per i più ma io sto invecchiando in un modo che considero molesto. Inizio a togliermi gli occhiali per leggere i bugiardini dei medicinali; medicinali che porto in una pochette sempre con me. Guardo adolescenti che potrebbero essere i miei figli con sguardo severo di disapprovazione […]

Delle belle pretese

A ‘sto giro, se passa qualcuno e ha voglia di dire qualcosa, qualunque cosa, me la scriva. Non tanto a me. Lo scriva e basta. Al ritorno dalle ferie ho la testa pesante, e non solo quella. La montagna tira fuori molto, oltre la stanchezza fisica. Ti mette davanti quello che sei, dove pensi di […]

Delle date importanti

Ho congedato i miei 38 anni. Al netto di qualche inciampo, un anno determinante nella mia vita. Se penso a come l’ho festeggiato l’estate scorsa provo profonda tenerezza. Credevo che l’unico desiderio che avevo espresso si stemperasse tra le lacrime che lo accompagnavano. E invece no. Si è imposto, ha lottato come un salmone controcorrente […]

Delle idealizzazioni

Non è che stia troppo bene in questo periodo. O meglio, sento di avere energie psicofisiche in evidente esaurimento. Mi manca l’aria, cerco l’ombra e la frescura come una damina dell’ottocento, la Feltrinelli traccheggia nelle spedizioni, l’abito che avevo adocchiato, preda ambita dei saldi, mi è stato soffiato con una tempistica odiosa. Ah, s’è pure […]

Dell’insofferenza

Oggi veleggio sull’onda dell’intolleranza. Sarò una donnicciola dalle poche ambizioni e da una discutibile affezione alla normalità. Tuttavia. Quelli che gridano al razzismo per somiglianze ai primati e non s’indignano per il mancato rimpatrio dei nostri Marò da un paese come l’India (!). Quelli che chiedono il patteggiamento perché vent’anni cribbio se fan paura, e […]

Del dispiegamento del tempo

Quattordici giugno. Io non dimentico. Non dimentico dov’ero quattordici anni fa, sette anni fa, l’anno scorso. Non dimentico i vuoti riempiti con i vuoti, le sensazioni di quando ero bambina come quelle della me adulta. Il sapore dei semi dell’anguria sputati per gioco come proiettili, e quello amaro dell’anestesia al risveglio. Io non dimentico niente. […]