Archivio Autore

Del restare, andando. E viceversa

Il corpo è semplicemente un'anima.Un'anima rugosa, grassa o secca, liscia o callosa, ruvida, elastica, croccante, iridata, sgargiante, vestita d'organza o mimetizzata in cachi, multicolore, coperta di morchia, di piaghe, di verruche. E' un'anima a fisarmonica, a trombetta, a pancia di viola, meravigliosa cassa di risonanza.La mia non ha più contorni definiti, come una enorme smagliatura […]

Delle scarne considerazioni

L'amore sovente non ha ali ma può avere radici profondissime.

Dello spolverare gli scaffali

C'è una lista che compilo giorno dopo giorno. La lista delle cose che potevano essere fatte e non possono più essere fatte. Il tempo che scorre, che mi sorpassa e m'aspetta, più avanti, pronto a fare i conti. I sassi lanciati e le mani nascoste, i cerchi che si spandono nell'acqua e poi il silenzio. […]

Dell’insofferenza

Io voglio che tu sia infelice perchè io non so essere felice. Perchè quell’incognito infinito sta nel passo che non so fare. Io voglio che tu ti areni e boccheggi perchè io non so più respirare senza faticare respirando. Siamo la storia di due destini tenuti insieme da opposte destinazioni. Tu a fronteggiare le tue […]

Delle buone abitudini

Voglio ricevere una lettera. Non una mail, un sms a rate, un post, una telefonata. Voglio una lettera da leggere. Una di quelle lettere che poi ripieghi con cura e nascondi tra le pagine di un libro che hai letto e che sai sempre in quale punto dello scaffale è riposto. Voglio che qualcuno investa -perda?- […]

Dell’incompiutezza [io io io]

Io sono uno scompartimento vuoto di un treno che viaggia senza muoversi. Ci sono le immagini oltre il finestrino, che corrono veloci. Ci sono immagini e persone che passeggiano con i cani e leggono i cartelloni pubblicitari. C’è il mare che ammansisce lo sguardo e gente che sputa nei piatti dove mangia. Ci sono le […]

Delle piccole consapevolezze

Amore mio, non sempre tutto volge per il verso giusto: ma non è soltanto a causa del maltempo se il raccolto è andato perso. Ed è buffo come a volte il tempo scorra meglio del previsto: un panico incombente ci costringe ad addomesticare un fervido sorriso, un benessere improvviso. E’ forse una remota speranza la […]

Delle sconfitte

Libra è rabbiosa. Andarla a trovare in ospedale è straziante. In quel reparto non c’è tempo se non un tempo frammentato da sporadici suoni di campanello. Qualcuno vuole entrare. Non c’è distinzione tra giorno e notte, reale e fittizio, opportuno e irragionevole. Sono stanze bianche che puzzano di candeggina, senza vasi di fiori sul comodino, […]

Dei lutti

Poi mi muore Alda Merini. Mi muore perchè per me è un lutto reale. Reale come le visioni terribili di Libra, come l’odore delle corsie degli ospedali, come il bruciare delle castagne, come le voci degli isolati. Muore Alda e al telegiornale viene annunciato dopo la notizia della maratona di New York. Muore, e sembra […]

Delle ardite metafore

Entro e guardo. Guardare e scrivere quello che guardo è la cosa che mi riesce meglio. Scrivo di immagini anche quando parlo di sensazioni. Metafore su metafore. Allegorie della vita, fuori e dentro di me. E’ che le parole, ultimamente, non sono mature. E ancora, i pensieri, forse perfino qualche speranza. Le aspettative, quelle non […]

Degli aggiornamenti vaghi

Saprei cosa scrivere. Avrei da scrivere almeno cinquanta righe. Roba che non càpita da mai, praticamente. Ho argomenti di scontento e qualche parola buona da riservare ad un paio di persone. Una confessione pungente, incastrata in gola come un bolo di spine. Ho noia da vendere a carriolate, ore bolse, appuntamenti dal dentista ogni sacrosanto […]

Dei rimpianti

Perchè un rimpianto è di gran lunga peggiore di qualunque rimorso. “Ecco perché sono su questo pianeta, in questo tempo […]. Adesso lo so. Per molti più anni di quanti non ne abbia vissuti, ho continuato a precipitare dall’orlo di un luogo immenso e altissimo. E in tutti questi anni, precipitavo verso di te”

Dell’insanità

Libra non è più qui. Non è più nel mondo di coloro che pensano, ragionano, fanno progetti, si astengono, hanno aspirazioni. Libra ha passato la soglia di quella che si chiama sanità mentale. Non avrei mai creduto fosse possibile; la sua superficialità l’ha sempre tenuta lontana da ogni approfondimento, ogni questione rilevante della vita. Figli, […]

Dei lìmiti

Sono materia viva. Vivo e mi scortico appena vengo a contatto con gli altri. La verità -come m’ha scritto Moka, l’altro giorno- è che la gente non ha quasi mai niente da dire, ancor meno da dare. La verità è che questa gente non parla di emozioni, sesso, fotografie, libri. Parla di te che parli di […]

Nolite mittere margaritas ante porcos

Questi giorni di pioggia mi servivano per compensare l’arsura che provo. La sensazione dell’autunno che incombe è inspiegabile per chi non la ama. Pioggia costante e bruma che sale dai campi, erba bagnata, cani coll’impermeabile, scie d’ombrelli che si sfiorano. Ecco, questa sensazione non ha sbavature; è perfetta, nitida, pulita come la terra brulla che […]

Delle rivelazioni

Io non sono indifferente a niente. Per questo (r)esisto.

Dell’anossìa

Ciò che dovrei fare lo rimando. Mi occupo dei dettagli, della cornice ai giorni. Nessun seme spinto a fondo nel terreno, niente terra sotto le unghie. Questa muffa che intorpidisce i movimenti, questa paura delle conseguenze che pota i rami. Mi manca. Vorrei sapere oltre. Andare oltre, scegliere una via che m’allontani dalla periferia dei […]

Degli smarrimenti

A me che riesco a nominare l’essenza delle cose e non la loro assenza. A me che l’orgoglio mi tappa la bocca e dallo spiraglio entrano spifferi e suoni lontani. A me fa male tutto perchè niente diventa innocuo, col tempo. Nemmeno scoprire che un amico s’è sposato, che le persone vivono e camminano lungo […]

Delle illazioni

Non ti sbagliare. Quando mi vedi che sorrido e non parlo. Quando (ti) penso nei tanti modi in cui la pioggia cade. Quando sono mesi che diventano anni e non importa, perchè certe cose non cambiano mai. Quando comincio ad abbassare lo sguardo sulle cose che accadono intorno a me, e a fare più attenzione a quello […]

Delle attese

Perchè io li aspetto, il 26 novembre. Come un’Epifania.